KROMATIC@RT

KROMATIC@RT

KROMATIC@RT 2021

International Contemporary Art exhibition

 

Concept edited by Art Curators

Erika Gravante -graduated in Product Design, master in Visual Merchandising-

Federica D’Avanzo -graduated in Art Management-

 

 

“Each person has his own color, a shade whose light just leaks along the contours of the body.

A kind of halo. As in the figures seen against the light”

 

(Haruki Murakami)

 

Our life is like the palette of a painter in which each color identifies things, emotions, thoughts and moods. Its deep beauty intoxicates us and strikes us, inspires us. Its capacity for expression can produce multisensory perceptions. Speaking about colors means to shine a light on our path, to give back to the man the right to wonder, to have peace, to have that serenity that only they know how to transmit. It is well known how contemporary art or cinema have rediscovered with new awareness and curiosity, the effects that colors and lights have on the human mind, investigating the perception of reality, emotionality and unconsciousness. Alfred Hitchcock, in one of his many masterpieces, Vertigo, uses a chromatic choice that will contribute to give a ghostly and surreal aura to the entire sequence; David Lynch makes use of marked tones, or the contrast of the same. In art in particular, through the colourations, we not only access painting in its integrity but we collect an inexhaustible series of emotional states that, in part or in whole, can justify the existence of the paintings as a symphony of tones. One can argue that art history is a history of palettes, and each artist had his own, and with it he opened his deepest self. The works appear as a gallery of melodies and harmonies, whose nuances lead us beyond the real concrete to access the feelings in an immediate way, as happens with music. Looking at a work, the eye is touched by a broad emotional spectrum, in which the artist leads us into an unusual territory where its thousand colors paint the universe filling our senses with joy. Colour is, in fact, an element of fundamental importance for human life, and it is precisely through it that the senses learn reality. It has an aesthetic role, but above all an imposing symbolic value, linked for example to day and night, to light and darkness, which has always accompanied men. Each tone possesses a great psychological power capable of acting on the emotional state of each individual, communicating a message firmly rooted in the culture of those who observe it. In many tribes, for example, the color painted on the body indicates social status, while throughout the world, the gradation of the skin is considered attractive according to the beauty canons dictated by the culture itself. However, we should reflect more carefully on the human condition and check if the world really knows how to recognize its level of chromatic maturity. Eskimos, for example, use 100 different definitions to describe the white gradations of snow, in France brown is a nuance, a word in itself, while in Italy it is an adjective. It is evident that a color alone is solemn and imposing in all its majesty: but what happens when two colors meet? In the chromatic combination most of the time emerges a play of forces, an "arm wrestling" that makes the character and expressiveness. The first dominates the second, they push each other: one asks the other to approach its complementary. As in any relationship, one color asks the other to "change". This encounter of energies creates a powerful vibration, not real but strong in the visual perception of the eye. This is what makes a chromatic combination more or less pleasant, dynamic, static, expressive, lively that can fatigue us to the point of looking away. The Fauves did it on purpose: they chose to match pairs of complementary colors so that the two colors would light each other. Violent and explosive encounters of this kind are visible in the canvases of Emil Nolde, a German expressionist capable of visionary and unthinkable chromatic choices. For him "the colours are vibrations of silver bells and bronze sounds: they announce happiness, passion and love, soul, blood and death". The color in both grandeur is so strongly expressive that it becomes a symbol of a nation, characterizes its history, culture, philosophy, expresses its identity and vocation, drama and conquest, pride, and beauty. The world entrusts peace to this important means of expression, through which we can read the life of a state, a city, a province, a region, or a small commune. A distinctive sign of who we are, of what language we speak, of what we have done and of what we want to tell. Therefore, the aim of the exhibition "Kromatic@rt" promoted by M.A.D.S. MILANO is to enter into a journey of images able to go beyond the figuration itself, reaching almost abstraction. The intent is to involve the viewer into the dense colors and be moved by the soul of the artists, who choose to use the visual element of color in its completeness as the creative force of their work. Light, tone, shape, symbol, harmony, contrast, mood. A powerful chromatic perception, but with a sensory language, mute and silent, able to communicate more than words themselves. An explosive and disruptive rainbow, out of the box.

 

"Let me, O let me bathe my soul in colours;

let me swallow the sunset and drink the rainbow”

 

(Khalil Gibran)

  • ARTWORK INFO

    KROMATIC@RT 2021

    International Contemporary Art exhibition

    Opening January, 22 2021

    Corso San Gottardo – Milan (Italy)

     

    Entrance on list: RSVP mads@madsmilano.com

     

    Opening Hours: Mon-Tue-Wed-Thu-Fri from 11 am to 2 pm

    For meeting out of schedule please contact: +39 3482854357

  • ARTIST INFO

    Concept edited by Art Curators

    Erika Gravante -graduated in Product Design, master in Visual Merchandising-

    Federica D’Avanzo -graduated in Art Management-

     

    “Ogni persona ha un suo proprio colore, una tonalità la cui luce trapela appena lungo i contorni del corpo. Una specie di alone. Come nelle figure viste in controluce.”

    (Haruki Murakami)

     

    La nostra vita è come la tavolozza di un pittore in cui ogni colore identifica cose, emozioni, pensieri e stati d’animo. La sua bellezza profonda ci inebria e ci colpisce, ci ispira. La sua capacità di espressione è tale da produrre percezioni multi-sensoriali. Parlare dei colori intende accendere una luce sul nostro cammino, restituire all’uomo il diritto alla meraviglia, alla pace, a quella serenità che solo loro sanno trasmettere. È risaputo come l’arte contemporanea o il cinema abbiano riscoperto con nuova consapevolezza e nuova curiosità gli effetti sulla mente umana dei colori e delle luci, indagando sulla percezione della realtà, sull’emotività e sull’inconscio. Alfred Hitchcock, in uno dei suoi numerosi capolavori, Vertigo, si serve di una scelta cromatica che contribuirà a conferire un’aurea spettrale e surreale all’intera sequenza; David Lynch ricorre all’utilizzo dei toni marcati, o del contrasto degli stessi, per far emergere il variegato mondo delle emozioni. Nell’arte in particolare, attraverso le colorazioni non soltanto accediamo alla pittura nella sua integrità ma collezioniamo una serie inesauribile di stati emotivi che, in parte, o del tutto, possono giustificare l’esistenza dei dipinti in quanto sinfonia dei toni. Si può sostenere che la storia dell’arte è una storia di palette, ed ogni artista ha avuto la propria e con essa ci ha aperto il suo Io più profondo. Le opere appaiono come una galleria di melodie e armonie, le cui sfumature ci conducono al di là del reale concreto per accedere alle sensazioni in modo immediato, così come succede con la musica. Guardando un’opera, l’occhio viene toccato da un ampio spettro emotivo, in cui l’artista ci conduce in un territorio inconsueto dove le sue mille cromie dipingono l’universo riempiendo di gioia i nostri sensi. Il colore è, infatti, un elemento di fondamentale importanza per la vita umana, ed è proprio attraverso di esso che i sensi apprendono la realtà. Ha un ruolo estetico ma soprattutto una valenza simbolica imponente, legata ad esempio al giorno e alla notte, alla luce e al buio, che accompagna l’uomo da sempre. Ogni tonalità possiede un grande potere psicologico in grado di agire sullo stato emotivo di ogni individuo, comunicando un messaggio saldamente radicato nella cultura di chi lo osserva. In molte tribù, ad esempio, il colore dipinto sul corpo indica lo status sociale, mentre in tutto il mondo, la gradazione della pelle è considerata attraente secondo i canoni di bellezza dettati dalla cultura stessa. Dovremmo però riflettere più attentamente sulla condizione umana e verificare se il mondo sappia veramente riconoscere il proprio livello di maturità cromatica. Gli eschimesi, ad esempio, usano cento definizioni diverse per descrivere le gradazioni di bianco della neve, in Francia il bruno è una nuance, una parola a sé, mentre in Italia è un aggettivo. È evidente che un colore da solo sia solenne ed imponente in tutta la sua maestosità: ma cosa accade quando due colori si incontrano? Nell’accostamento cromatico quasi sempre emerge un gioco di forze, un “braccio di ferro” che ne determina il carattere e l'espressività. Il primo domina sul secondo, si sospingono reciprocamente: uno chiede all'altro di avvicinarsi al suo complementare. Come in ogni relazione, un colore chiede all'altro di “cambiare”. Questo incontro di energie crea una potente vibrazione, non reale ma forte nella percezione visiva dell’occhio. È questo che rende un accostamento cromatico più o meno piacevole, dinamico, statico, espressivo, vivace che può affaticarci a tal punto da distogliere lo sguardo. I Fauves lo facevano apposta: sceglievano di accostare proprio coppie di colori complementari in modo che le due tinte si accendessero a vicenda. Incontri violenti ed esplosivi di questo genere sono visibili nelle tele di Emil Nolde, un espressionista tedesco capace di scelte cromatiche visionarie e impensabili. Per lui “i colori sono vibrazioni di campane d’argento e suoni di bronzo: annunciano felicità, passione e amore, anima, sangue e morte“. Il colore nella sia grandiosità, è cosi fortemente espressivo che diventa simbolo di una nazione, ne caratterizza la storia, la cultura, la filosofia, ne esprime l’identità e la vocazione, il dramma e la conquista, la fierezza, l’orgoglio e la bellezza. Il mondo affida la pace a questo importante mezzo espressivo, attraverso cui si legge la vita di uno stato, di una città, di una provincia, di una regione, o di un piccolo comune. Segno distintivo di chi siamo, di che lingua parliamo, di quello che abbiamo fatto e di quello che vogliamo raccontare. Pertanto l’intento della mostra “Kromatic@rt” promossa da M.A.D.S. MILANO è quello di inoltrarsi in un viaggio di immagini capace di oltrepassare la figurazione stessa, approdando quasi all’astrazione. Coinvolgere lo spettatore nei colori densi e mossi dall’anima degli artisti, i quali scelgono di usare l'elemento visivo del colore nella sua completezza come forza creativa del loro lavoro. Luce, tono, forma, simbolo, armonia, contrasto, stato d'animo. Una percezione cromatica potente, ma dal linguaggio sensoriale, muto e silenzioso, capace di comunicare più delle parole stesse. Un arcobaleno esplosivo e dirompente, fuori dagli schemi.

     

    “Lasciami, oh lasciami immergere l’anima nei colori; lasciami ingoiare il tramonto e bere l’arcobaleno.”

    (Khalil Gibran)

M.A.D.S. ART GALLERY P.IVA IT10587040964

  • M.A.D.S. Milano Facebook Page
  • M.A.D.S. Milano Instagram Page

© 2020 by Simone Segalini