GAIA -The origin-

GAIA -The origin-

GAIA -The origin- 2021

 

International Contemporary Art exhibition

March, 26 - April, 4 2021

 

Concept edited by Vanessa Viti, graduated in Visual Arts and Art Curator

 

 

“I am going to sing to the Earth, universal Mother with solid foundations, venerable old woman, who nourishes what is on the surface of it. From you comes fecundity and fertility, O Sovereign !,and it is from you to give and take life from mortal men. Blessed is he to whom you, kindly, honor;he has everything in abundance ... august goddess, generous divinity! Hello, Mother of the Gods, spouse of the starry sky! Grant me a happy life as a reward for my singing!From now on I will remember you in the remaining songs.”

 

(Homeric Hymn)

 

What would man be without the ability to think and ask questions? The most ancient civilizations have given us a gift, not only of answers, but also of wonderful stories in which to be able to discover the mysteries of the world. In ancient Greece it was said that at the beginning of time there was only darkness, a sort of black hole,  which  the  Greeks  called  Chaos:  an  endless  abyss  where  nothing  is  defined  and  where  the  concept  of order  does  not  exist.  From  the  Chaos  emerges  Gaia,  or  Mother  Earth,  she  is  a  distinct,  solid,  visible  and tangible  form.  Gaia  represents  the  primordial  idea  of cosmic  order  and  balance.  It  will  be  Gaia  herself  to generate  Uranus,  the  sky,  creating  the  first  principle  of  absolute  balance,  a  sort  of  double  that  stands  out above her and completes her. The concept of Mother Earth belongs to many ancestral mythologies; different peoples, in different places, with different names have revered the parent of every living being: Gaia for the Greeks, Tellus for the Romans, Joro for the Norsemen. To incarnate the archetype of the divine, in the most ancient cultures, it is always a female being, since it represents the mystery of birth. If on the one hand the divinity of Gaia has been honored, venerated and invoked through pagan rites, there are few artistic works dedicated to her and that have come down to us, after all -from the Middle Ages onwards- artists have turned their look to Christian representations. Somehow it will be Gustave Courbet in 1866 to remind us that "the origin" is a feminine noun, when he represents in an impeccable way the vulva of a woman and entitled the work "The origin of the world". This is the time to pay homage to Gaia, bypassing territorial, cultural and religious limits and borders, because we belong to Mother Earth, we owe our life to her, and we will return to her at the fulfillment of our days. Life and death merge into a single mystery, opposites that find balance in the depiction of Gaia, as the one who gives life at the same time welcomes the death of her children in her own womb. "She gives and she takes, She rules until the end of time, She goes her own way", it is with these words that the band Within Temptation speaks of Mother Earth, in the song of the same name. Gaia walks her   path   freely,   every   living   being   instead   seeks   that   same   path   -because   as   much   as   history   and contemporary life distance us from her- we cannot escape the indissoluble bond that exists between us and Mother Earth. The artist's role is to evoke emotions and memories; through the production of works of art he is called to dig into the most intimate and ancestral memory. The time to pay homage to Gaia is ripe, the right way to reunite and consolidate the connection with her is precisely art. Artists of all times have shaken souls and thoughts, they have moved peoples and cultures, now is the time to recall primordial memories in people  and  to  invoke  Gaia.  If  Mnemosine  (or  memory)  is  the  daughter  of  Gaia,  art  is  in  some  way  the daughter of Mnemosine because it has always been the first tool used to preserve memory itself. The "Gaia: The Origin" exhibition aims to retrace history through a series of works, both figurative and abstract, and to bring back sleeping or hidden feelings, intimate and perhaps forgotten emotions. As Gaia represents a sort of splendor, so it wants to be the exhibition promoted by M.A.D.S.: a glow that makes thoughts and emotions explode. With this project M.A.D.S. asks artists to arm themselves with creative ingenuity, to find the right colors, get rid of any iconographic scheme to give life to new and infinite representations of Gaia.

  • ARTWORK INFO

    GAIA -The origin- 2021

    International Contemporary Art exhibition

    Opening March, 26 2021

    Corso San Gottardo – Milan (Italy)

     

    Entrance on list: RSVP mads@madsmilano.com

     

    Opening Hours: Mon-Tue-Wed-Thu-Fri from 11 am to 2 pm

    For meeting out of schedule please contact: +39 3482854357

  • ARTIST INFO

    Concept edited by Vanessa Viti, graduated in Visual Arts and Art Curator

     

    “Mi accingo a cantare alla Terra, Madre universale dalle solide fondamenta, vecchia venerabile, che nutre quanto si trova sulla superficie di essa. Da te procede la fecondità e la fertilità, o Sovrana!,e da te proviene dare e togliere la vita agli uomini mortali. Beato colui al quale tu, benevola, rendi onori;questi ha tutto in abbondanza... dea augusta, generosa divinità! Salve, Madre degli Dei, sposa del Cielo stellato! Concedimi una vita felice come premio al mio canto!D'ora in poi mi ricorderò di te nei rimanenti canti.”

    (Inno Omerico)

     

    Cosa sarebbe l'uomo senza la capacità di pensare e di porsi delle domande? Le più antiche civiltà ci hanno fatto dono non solo di risposte, ma anche di storie meravigliose attraverso le quali riuscire a scoprire i misteri del mondo. Nell'antica Grecia si narrava che all'inizio dei tempi esistesse solo l'oscurità, una sorta di buco nero, che i greci chiamavano Chaos: un abisso senza fine dove niente era definito e dove non esisteva il concetto di ordine. Dal Chaos emerge Gaia, ovvero Madre Terra: ella è forma distinta, solida, visibile e tangibile. Gaia rappresenta l'idea primordiale di ordine ed equilibrio cosmico. Sarà la stessa Gaia a generare Urano, il cielo, creando il primo principio di equilibrio assoluto, una sorta di doppio che si staglia sopra di lei e la completa. Il concetto di Madre Terra appartiene a molte mitologie ancestrali; popoli diversi, in luoghi diversi, con differenti nomi hanno venerato la genitrice di ogni essere vivente: Gaia per i Greci, Tellus per i Romani, Joro per i Norreni. Ad incarnare l'archetipo del divino, nelle culture più antiche, è sempre un essere femminile, poiché rappresentazione del mistero della nascita. Se da una parte la divinità di Gaia è stata onorata, venerata ed invocata attraverso riti pagani, poche sono invece le opere artistiche ad essa dedicate e a noi pervenute, del resto

    -dal medioevo in poi- gli artisti hanno volto lo sguardo su rappresentazioni cristiane. In qualche modo sarà   Gustave   Courbet   nel   1866   a   ricordarci   che   "l'origine"   è   un   sostantivo   femminile,   quando rappresenta in modo impeccabile la vulva di una donna e intitola l'opera "L'origine del mondo". Questo è il momento di rendere omaggio a Gaia, scavalcando i limiti ed i confini territoriali, culturali e religiosi, poiché  a  Madre  Terra  apparteniamo,  ad  essa  dobbiamo  la  vita,  e  a  lei  torneremo  al  compimento  dei nostri  giorni.  Vita  e  morte  si  fondono  in  un  unico  mistero,  opposti  che  trovano  equilibrio  nella raffigurazione di Gaia, poiché colei che dona la vita al contempo accoglie la morte dei suoi figli nel suo stesso grembo. "Lei da e Lei prende, Lei governa fino alla fine dei tempi, Lei va per la sua strada", è con queste  parole  che  la  band  Within  Temptation  parla  di  Madre  Terra,  nella  canzone  omonima.  Gaia percorre la sua strada liberamente, ogni essere vivente invece ricerca quello stesso percorso, perché -per quanto  la  storia  e  la  vita  contemporanea  ci  allontanino  da  essa-,  non  possiamo  sottrarci  al  legame indissolubile che esiste tra noi e Madre Terra. Il ruolo dell'artista è quello di evocare emozioni e ricordi; attraverso la produzione di opere d'arte è chiamato a scavare nella memoria più intima ed ancestrale. Il tempo di omaggiare Gaia è maturo, la giusta strada per ricongiungerci e consolidare la connessione con essa è proprio l'arte. Artisti di tutti i tempi hanno scosso animi e pensieri, hanno mosso popoli e culture, ora è il momento di rievocare negli uomini le memorie primordiali e di invocare Gaia. Se Mnemosine (ovvero la memoria) è figlia di Gaia, l'arte, in qualche modo è figlia di Mnemosine perché essa è sempre stata  il  primo  strumento  usato  per  preservare  la  memoria  stessa.  La  mostra  “Gaia:  The  Origin”  ha  lo scopo di ripercorrere la storia attraverso una serie di opere, sia figurative che astratte, e di far riaffiorare sentimenti assopiti o nascosti, emozioni intime e forse dimenticate. Come Gaia rappresenta una sorta di fulgore, così vuole essere la mostra promossa da M.A.D.S.: un bagliore che faccia esplodere pensieri ed emozioni. Con questo progetto M.A.D.S. chiede agli artisti di armarsi di ingegno creativo, di trovare le cromie   giuste,   liberarsi   di   qualsiasi   schema   iconografico   per   dare   vita   a   nuove   ed   infinite rappresentazione di Gaia.

     

M.A.D.S. ART GALLERY P.IVA IT10587040964

  • M.A.D.S. Milano Facebook Page
  • M.A.D.S. Milano Instagram Page

© 2020 by Simone Segalini