Abstractism Kandinskij Award 2020

Abstractism Kandinskij Award 2020

ABSTRACTISM KANDINSKIJ AWARD 2020

International Contemporary Art exhibition

 

Concept edited by Giulia Zanesi, Doctor of Cultural Heritage Sciences and Art History and Postgraduate as Curator of Contemporary Art

 

 

Color is a means of exerting a direct influence on the soul. Color is a key, the eye the hammer that hits it, the soul the instrument with a thousand strings ... "(Vasilij Kandinskij)

 

 

At a time, at the beginning of the twentieth century, extraordinary men like Freud and Jung told us about themes important as reality and unconsciousness, of their functioning, in relation to the discovery of the theories on the atom, so it begins to talk about its most important elements: form, sign, space and color.

A significant discovery, of the most considerable aspects of painting, up to the achievement of the most contemporary techniques. A fascinating "site specific" exhibition with an innovative character, a journey to discover the deepest soul of artists up to an increasingly intimate investigation of how they see life, their interests, the intrinsic relationship between art and science, revealing a particular attention to a scientific approach to the shared aspects of reality, nature and science. Explore an intimate and personal journey.

Thus the artist becomes the spokesperson of a symbolic journey capable of making the observer understand his language rich in references, his intimate and personal code, how his work is born and how it develops to highlight in the observer, the whole artistic process, its style and its language. An experience within which it is possible to understand the inner need to make art and above all the specific language of each artist suggested by a profound inner need. Themes related to the psychology of artistic creation, to the inner movements of the soul are explored in depth in this exhibition linked to abstraction. Thus in its most intimate process, the abstract compositions reveal a particular mood, the most hidden secrets and a vision of the world.

Impressions, precise suggestions and a symbolic search within one's soul that reveals a new vision of making art and a synthesis of the arts. An exhibition itinerary among the most avant-garde contemporary artists, real stimuli and visual cues. An openness to dialogue through innovation and the future, a tribute to the great works of artists and to a profound interaction between generations. Color combinations that intertwine and blend to create a conceptual exhibition with strong references. Geometric and conceptual elements inspired by the great masters of the past Pollock, Mondrian, Mirò, Dubuffet important stimuli rich in iconographic references, energy and color. Artists whose art represents a pleasant moment of suspension from everyday life to lead us into a more intimate dimension within ourselves, to reflect and accompany us in search of our most intimate and profound self. Details, details of our life, experiments, use of perspective, the existence of a broader and more suggestive vision.

Thus the artist plays with his art, creates with colors and builds in form and compositional size by integrating other elements rich in note such as chance and the ephemeral in a meaningful reflection on the human being. Colored backgrounds, symbols, geometric lines become a real metaphor for life.

 

An intimate and profound connection between art and life.

 

  • ARTWORK INFO

    ABSTRACTISM KANDINSKIJ AWARD 2020

    International Contemporary Art exhibition

    April 17, 2020 - April 30, 2020

    Vernissage

    Friday, April 17, 2020 4.00 pm - 6.00 pm

    Corso San Gottardo – Milan (Italy)

     

    Entrance on list: RSVP mads@madsmilano.com

     

    Opening Hours: Mon-Tue-Wed-Thu-Fri from 11 am to 2 pm

    For meeting out of schedule please contact: +39 3482854357

  • ARTIST INFO

    Concept a cura di Giulia Zanesi, Dott.ssa in Scienze dei Beni Culturali e Storia dell'Arte e Curatrice d’Arte Contemporanea

     

    “Il colore è un mezzo per esercitare sull’anima un’influenza diretta. Il colore è un tasto, l’occhio il martelletto che lo colpisce, l’anima lo strumento dalle mille corde…” (Vasilij Kandinskij)

     

    In un epoca, agli inizi del Novecento, uomini straordinari come Freud e Jung  ci hanno raccontato di tematiche importanti come realtà e incoscio, del loro funzionamento, in relazione alla scoperta delle teorie sull’atomo, così l’arte inizia a far parlare dei suoi elementi più importanti: forma, segno, spazio e colore. Una scoperta significativa, degli aspetti più considerevoli del fare pittura, fino al raggiungimento delle tecniche più contemporanee. Una mostra “site specific” affascinante e dal carattere innovativo, un viaggio alla scoperta dell’anima più profonda degli artisti fino all’indagine sempre più intima di come vedono la vita, i loro interessi, il rapporto intrinseco tra arte e scienza rivelando  una particolare attenzione ad un approccio di tipo scientifico agli aspetti condivisi della realtà , della natura e della scienza.

    Esplorare un percorso intimo e personale.

    Così l’artista diviene portavoce di un viaggio simbolico in grado di far comprendere in chi osserva il suo linguaggio ricco di rimandi, il suo codice intimo e personale, come nasce il suo lavoro e come si sviluppa per evidenziare in chi osserva, l’intero processo artistico, il suo stile e il suo linguaggio. Un’esperienza all’interno del quale è possibile comprendere la necessità interiore del fare arte e soprattutto del linguaggio specifico di ciascun artista suggerito da una profonda esigenza interiore. Temi legati alla psicologia della creazione artistica, ai moti interiori dell’anima sono indagati approfonditamente in questa mostra legata all’astrazione. Così nel suo processo più intimo le composizioni astratte rivelano un particolare stato d’animo, i segreti più nascosti e una visione del mondo..

     

    Impressioni, suggestioni precise e una ricerca simbolica all’interno della propria anima rivelatrice di una nuova visione del fare arte e di sintesi delle arti. Un percorso espositivo tra gli artisti contemporanei più all’avanguardia, veri e propri stimoli e spunti visivi. Un’apertura al dialogo attraverso l’innovazione e il futuro, un omaggio alle grandi opere degli artisti e ad una interazione profonda tra generazioni. Combinazioni cromatiche che si intrecciano e si amalgamo creando una mostra concettuale dai forti richiami. Elementi geometrici e concettuali che si ispirano ai grandi maestri del passato Pollock, Mondrian, Mirò, Dubuffet stimoli importanti ricchi di rimandi iconografici, energia e colore. Artisti la cui arte rappresenta un piacevole momento di sospensione dal quotidiano per condurci in una dimensione più intima all’interno di noi stessi, per riflettere e accompagnarci alla ricerca del nostro sé più intimo e profondo.

    Dettagli, particolari del nostro vivere, sperimentazioni, uso della prospettiva l’esistenza di una visione più ampia e ricca di suggestioni.

    Così l’artista gioca con la sua arte, crea con i colori e costruisce nella forma e nella grandezza compositiva integrando altri elementi ricchi di nota come il caso e l’effimero in una riflessione significativa sull’essere umano. Campiture colorate, simbologie, linee geometriche diventano una vera e propria metafora della vita.

     

    Una connessione intima e profonda tra arte e vita.

M.A.D.S. ART GALLERY P.IVA IT10587040964

  • M.A.D.S. Milano Facebook Page
  • M.A.D.S. Milano Instagram Page

© 2020 by Simone Segalini